LA RAGAZZA CARLA

SPETTACOLI

sab. 11 febbraio 2023

20.00

COMPRA BIGLIETTO

dom. 12 febbraio 2023

16.00

COMPRA BIGLIETTO

Un testo potente scritto “ieri”, ma estremamente capace di parlare di “oggi”: Elio Pagliarani e la sua, e oseremmo dire la nostra, “Ragazza Carla”, è Milano, ed è quella Milano che si alza presto, che fa fatica, che sogna di farcela sapendo che la vita è dura. La piccola e tenace Milano che arriva nel centro, sotto il Duomo, quasi in punta di piedi e che poi imparerà a correre.
Pagliarani, che faceva parte del Gruppo ’63, scrive quello che chiameremmo un “poemetto”, ma scandisce le sue parole con il ferro e il fuoco, le illumina con il neon e le scolora con la nebbia, le rende forti come il cemento delle periferie e leggiadre come certe ringhiere delle vecchie case popolari. Ed è così che incontriamo “Carla Dondi fu Ambrogio di anni/ diciassette primo impiego stenodattilo/ all’ombra del Duomo”: quasi un telegramma, così inizia l’Autore. Anche se sappiamo che la sera, tornando nella sua affollatissima casetta, Carla si accarezza il volto, affinché la sua umanità, e la sua dignità, non vadano perdute per sempre nel tran tran di luoghi, filobus, import-export, orari, date, rossetto…
Attraverso Carla si legge la città e si capiscono le nostre scelte: se quello che incontriamo sia emancipazione o alienazione, se ci troviamo o se ci perdiamo.
Il teatro Gerolamo ha fortemente voluto questo recupero e messa in scena di un testo che non tanti conoscono, e che pure andrebbe conosciuto. Perché ha la forza di essere contemporaneo, pur se scritto tanti decenni or sono. Perché è un testo “metropolitano” e parla di cose che si svolgono a pochi passi dal nostro portone.
Il libro di Pagliarani è edito dal Saggiatore e proprio all’editore Luca Formenton è stata affidata la regia, prima regia teatrale della sua vita: una sfida che Formenton, uno dei fondatori anche di Bookcity, ha accettato in nome della cultura e di Milano. Sul palcoscenico l’attrice Carla Chiarelli: lei, credeteci, non inganniamo, “è” Carla. La interpreta con una naturalezza totale, quasi si potrebbe parlare di reincarnazione: come un personaggio nato sulla carta possa dalla carta uscire e apparirci davanti. In dialogo con lei c’è un pianoforte, le mani sulla tastiera sono quelle capaci e gentili del grande Gigi Marson. C’è molto altro e con l’aiuto regista Maria Roccatagliata va in scena uno spettacolo che riteniamo, e non abbiamo paura a usare questo aggettivo, memorabile.

Questa giovane Carla che, ignara e timorosa, sgomita nella società degli adulti, e gli adulti le rimandano indietro i colpi, è simile alle tantissime persone che oggi leggono sui media e sui social del progresso e delle ricchezze, ma non sanno precisamente dove sono, come arrivarci, giovani che inseguono un futuro per niente facile in treno o in bicicletta, ammirando un
torracchione di vetro nel quale si specchia un “cielo d’acciaio che non finge / Eden e non conosce smarrimenti”. Se la ragazza Carla «è straordinario poema polifonico», come scrive Aldo Nove nella prefazione, va ascoltato. Appunto: è straordinario.

CREDITI

di Elio Pagliarani, con Carla Chiarelli, Gigi Marson al Pianoforte, regia di Luca Formenton, aiuto regia Maria Roccatagliata

SPETTACOLI

sab. 11 febbraio 2023

20.00

COMPRA BIGLIETTO

dom. 12 febbraio 2023

16.00

COMPRA BIGLIETTO